IED (Intermittent Explosive Disorder)

Mi scuso con chi soffre o ha sofferto di IED. Questo è un “racconto” di pura fantasia che non vuole esprimere nessun giudizio su questo disturbo. Mi serviva solo un “pretesto per spedire Carlo dalla psicologa”
Buona lettura

Per tentare di risolvere i suoi scatti d’ira aveva consultato diversi psicologi e psicoterapeuti senza ottenere grossi risultati. Un giorno conobbe Claudia, una psicologa neo specializzata.

«Mi sembra evidente che con lei gli approcci standard non funzionino. Ne conviene?»
«Si, le confesso che ormai ho perso le speranze»
«Carlo … Posso chiamarla Carlo?»
«Certo» rispose sorpreso «Credo di poterti aiutare ma è fondamentale che tu ti fidi ciecamente di me»
«In che senso»
«Se veramente vuoi dire addio ai tuoi scatti d’ira dovrai fidarti ciecamente di me!»

La dottoressa fece una pausa saggiando l’espressione di Carlo «Dovrai fare esattamente quello che ti chiederò anche se ti sembrerà fuori luogo, anche se non ne capirai il motivo.» Carlo guardava la dottoressa con aria interrogativa «Ci vorrà del tempo! In questo momento non so dirti quanto, ma sono sicura che presto i tuoi scatti d’ira diventeranno solo un ricordo sbiadito.»

Una speranza si accese nel cuore di Carlo «Va bene. Cosa vuole che faccia?»
«Inginocchiati sotto la mia scrivania» Carlo sgranò gli occhi? «Mi scusi?» chiese contenendo a stento la rabbia.

«Vuoi guarire Carlo?»
«Certo, sono qui per questo»
«Allora ricordati le premesse Carlo: devi fare tutto quello che ti chiedo anche se ti sembrerà inappropriato o non ne comprendi il motivo. Se esiterai un’altra volta, mio malgrado, sarò costretta a chiederti di rivolgerti ad un altro specialista!»

Carlo rifletté qualche istante, poi realizzò che non aveva dato di matto come al solito e che forse La Dottoressa sapeva il fatto suo. «Bene Carlo, adesso tieni il muso attaccato a me» disse la Dottoressa allargando le gambe e premendo il suo viso sulle mutandine «Tieni la posizione! Quando senti che stai per arrabbiarti fai dei profondi respiri con il naso! Per oggi direi di iniziare con due ore ma il nostro obbiettivo è che tu riesca a resistere dalle 8 alle 10 ore. Una volta che avrai raggiunto il tuo obbiettivo passeremo allo step successivo»
Carlo non si mosse, inspirò profondamente con il naso dieci volte e sentì la mano della Dottoressa accarezzargli la testa, come a volersi complimentare con lui. Qualcosa scattò dentro di lui, ma non un motto d’ira. 
Era un senso di serenità.

[Disegno By jhonny]